L'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Unione europea, Federica Mogherini.

Adesione all’UE, Mogherini: “La scadenza per il 2025 riguarda anche l’Albania”

Continuano le prese di posizione a favore dell’adesione all’UE da parte dell’Albania. Anche l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Unione europea, Federica Mogherini, in un'intervista all'emittente televisiva albanese "Ora News", si è espresso favorevolmente auspicando, nelle prossime settimane, una raccomandazione positiva per l'avvio dei negoziati, in modo che il Consiglio possa prendere una decisione favorevole nei prossimi mesi. La Mogherini ha spiegato che si tratterebbe di un nuovo approccio: "Non è che noi stabiliamo per i paesi aspiranti i compiti a casa, ed aspettiamo che vengano fatti. Il concetto è del tutto diverso. L'adesione all'Ue dei Balcani occidentali è un obiettivo comune, quindi abbiamo stabilito una cornice realistica; decidiamo quello che c'è da fare e lo facciamo insieme".

Sul percorso intrapreso dopo la pubblicazione della Strategia Ue di allargamento ai Balcani occidentali nei giorni scorsi, in cui si precisava che “l'Albania ha fatto progressi tangibili nel percorso europeo e la Commissione è disposta a preparare la proposta per l'avvio dei negoziati di adesione all'Ue”, si era già espresso poche ore prima il Ministro per l'Europa e gli Affari esteri albanese, Ditmir Bushati, il quale ha dichiara che si aspetta che la “posizione della Commissione venga sostenuta all'unanimità dai paesi membri, quale un investimento sostenibile per l'irreversibile processo delle riforme in Albania e la stabilità democratica della regione”.

La Commissione europea ha intanto stabilito per il 2025, l'anno orientativo in cui il Montenegro e la Serbia - due paesi che sono già in fase di negoziati - potranno aderire all'Ue. Al riguardo la Mogherini ha affermato che non s tratta “di un obiettivo che riguarda solo uno o due paesi, ma è una previsione per tutti i paesi che avvieranno i negoziati nei prossimi mesi”. La vice presidente della Commissione Mogherini ha aggiunto che “è molto importante che l'Albania e gli albanesi, sappiano che è una previsione che riguarda tutti”.

Ancora prima ad aver espresso parole favorevole era stato l'ambasciatore della delegazione dell'Ue a Tirana, Romana Vlahutin, secondo cui “L'Albania ha fatto qualcosa di molto intelligente, introducendo nella sua riforma giudiziaria inclusiva, parti importanti dei capitoli 23 e 24 dei negoziati. Ciò – ha spiegato la Vlahutin – vuol dire che l'Albania ha già fatto abbastanza lavoro, guadagnando tempo per il futuro, e quindi sarà capace di raggiungere velocemente gli altri paesi che sono in fase di negoziati, appena i negoziati con Tirana saranno avviati”.

Author
Hermes News

Redaksia

Shkruaj një koment

0 Komentet